Fronte del Porco
 
Gli interventi
L’insensatezza della corruzione
di Cosimo Loré (Professore Universitario, Università degli Studi di Siena e di Lecce)


Se la Universitas, madre di tutte le istituzioni e garanzie, fonte vitale per l’intera società, si inquina proprio in ambito di medicina e sanità ogni speranza è perduta, anche quella, al di là della formazione di idonei e degni operatori e professori, della salute e della sopravvivenza stessa. Quel che emerge dalle indagini giudiziarie in corso non ci sorprende, posto che siamo di fronte ad un fenomeno che ben conosciamo, da cittadini, da medici, da professori, da senatori: la corruzione spinta all’insensatezza di coloro che dovrebbero essere, sentirsi e rappresentare le massime responsabilità in ambito accademico, in specie nei settori della cardiologia, della anatomia patologica, della oftalmologia, della medicina legale, dove solo una minor parte di nefandezze è finora venuta alla luce. Sono altresì certo che i contributi quali quello di Eugenio Picano siano necessari per far comprendere anche ai non addetti ai lavori quali sono i meccanismi purtroppo diffusi che vanificano il lavoro di seri ricercatori, disperdendo preziose (e costose) energie a vantaggio di parenti impresentabili e accordi inconfessabili fra riferimenti assoluti delle discipline scientifiche e delle università italiane.

Si ha netta la prova del fatto che costoro non hanno in alcuna considerazione quello che da esperto della materia non esito a definire uno «stile criminale» indifferente alle esigenze minime di decenza prima che di alta docenza. Ecco perché non mi sono stupito di fronte all’inquadramento da parte della magistratura di alcuni fatti indagati nell’ambito del falso, della corruzione, della associazione a delinquere.

Vi è materia quindi su cui ancora indagare e meditare nello spirito non del facile moralismo ma di chi ha a cuore il funzionamento possibilmente ottimo della università italiana ed in specie delle facoltà mediche una volta luogo di indimenticabili rapporti fra grandi maestri e appassionati allievi.


Per saperne di più

www.scienzemedicolegali.it
www.scienzeforensi.it

«